Il Mio Spazio

Blog

Il potere della lampadina 0

Ho scoperto, da poco, che quanta luce hai in una stanza dipende dalla potenza delle lampadine.

Siate clementi, se potete. Può sembrare incredibile che io, a pochi giorni dai 54 anni, mi renda conto di questo. Epperò è così. Per molto tempo ho creduto che se avessi aumentato la potenza delle lampadine, avrei consumato più luce e quindi pagato di più.

Mi sono sempre piaciute le luci soffuse, che creano l’atmosfera. Solo che a volte, tipo a cena con gli amici, non ci vedevamo bene a mangiare.

Blog

Una sosta confortevole al centro del ciclone 0

 

Che periodo ci troviamo a vivere!  La normalità scardinata da continui imprevedibili cambiamenti.
Un ciclone, insomma. Questa è l’immagine che si è creata in me che funziono per metafore. Ascoltando chi mi parla di sé , delle sue fatiche e paure è emersa la visione di un ciclone che scompiglia, disordina, rompe, sposta.  Dentro e fuori di noi.

Blog

Una sosta confortevole – proposta insegnanti 0

Mi chiamo Anna Mirenzi, Sono un counsellor e aiuto le persone a stare meglio. (1)

Ho deciso, in un momento così difficile per la scuola, di mettere a disposizione le mie competenze per dare una mano, gratuitamente.

La scuola è un luogo di scambio. Quale scambio? Quello tra chi può imprimere un segno, l’insegnante, e chi è desideroso di apprendere e di essere segnato, lo studente.

Blog

Fare e rifare: pulizie&relazioni. 0

Stavo lavando il pavimento poco fa. Di nuovo. Lo avevo lavato da pochi giorni. E so che lo rilaverò. Ancora ed ancora. Fare e rifare. Sempre.

Mi sono venute in mente alcune riflessioni. Eccole.

Ci sono gesti che siamo disponibili a ripetere continuamente pur sapendo che non sarà l’ultima volta, ma che dopo un tempo preciso rifaremo. E non ci turba questo né ci spinge a smettere. Ad esempio lavare i piatti. Li laviamo per poi riprenderli, usarli e rilavarli. Fare il letto, per poi disfarlo e rifarlo. Fare le pulizie. Chi di voi crede che, fatte le pulizie, non si dovrà ripeterle? Io ci ho provato, ma non funziona.

Blog

Qual è il problema? Un litigio madre-figlio 0

Entro e vedo che le maglie non sono appese alle grucce come avrebbe dovuto essere, visto che si era preso l’impegno proprio poco prima. Sono mischiate alle maglie da casa, che possono stare appallottolate nel cassetto.

Mi accendo, come l’omino della rabbia (parlo di Inside out, lo avete visto?) e sequestro il cellulare, dicendo che lo avrei riconsegnato a lavoro fatto.