Una sosta confortevole – proposta insegnanti

Mi chiamo Anna Mirenzi, Sono un counsellor e aiuto le persone a stare meglio. (1)

Ho deciso, in un momento così difficile per la scuola, di mettere a disposizione le mie competenze per dare una mano, gratuitamente.

La scuola è un luogo di scambio. Quale scambio? Quello tra chi può imprimere un segno, l’insegnante, e chi è desideroso di apprendere e di essere segnato, lo studente. Affinché lo scambio riesca davvero bene sono necessari alcuni ingredienti fondamentali. In primis l’equilibrio dell’insegnante, poi la serenità dello studente, a seguire una buona relazione tra i due ed infine un luogo accogliente in cui far avvenire lo scambio.

Oggi i continui cambiamenti, che avvengono per la pandemia di coronavirus, minano l’equilibrio dell’insegnante che non è solo il professionista ma può essere anche figlio, genitore, parte di una relazione significativa. C’è una rilevante dimensione emotiva da gestire ogni giorno. Ma non solo.

Le distanze fisiche da mantenere e l’utilizzo dei dispositivi individuali di protezione costringono a trovare nuove modalità per costruire e mantenere la relazione con gli studenti. Le classi con gli spazi delimitati, i movimenti abituali bloccati, la didattica che diventa a distanza costringono a cercare delle alternative per poter accogliere e far star bene nell’apprendimento. Gli insegnanti, oggi più che mai, hanno bisogno di tutto l’aiuto e il sostegno possibile. Meritano di riceverlo. Credo che molti abbiano bisogno di un momento di sosta confortevole e vorrei poterlo offrire.

Sostare deriva dal latino e significa tenere fermo, stare saldo. La sosta è la fermata in cui fermi il viaggio e riposi.Confortevole deriva anch’esso dal latino e significa dare forza per tollerare le avversità.

La sosta confortevole è la fermata dal viaggio del lavoro quotidiano, per riposare e riacquisire la forza per  riprendere il percorso, trovare gli strumenti utili per affrontare i cambiamenti necessari, stabilire le priorità tra le crescenti richieste, valorizzare le competenze professionali che rischiano di passare in secondo piano davanti alle emergenze.

Partendo dalle esperienze di ognuno, vedremo insieme quali aiuti sono a disposizione per aiutare a stare saldi nella difficoltà. Riconoscendo i limiti che impediscono di lavorare nel modo abituale, cercheremo di trovare, grazie alle competenze di ognuno, nuovi sentieri per l’insegnamento e come vivere più serenamente una situazione che non abbiamo scelto.

Gli incontri sono costruiti partendo da ciò che ognuno dei partecipanti porterà. Saranno perciò un momento di confronto, non video conferenze, e – va da sé – saranno online.

Appuntamento il giovedì dalle 17 alle 18.

Per ricevere il link che permetterà di partecipare o per avere ulteriori informazioni, scrivere a mirenzianna@gmail.com

;”>(1) Per conoscere il mio curriculum vitae https://www.lamire-percorsi.it/counsellor/2020/09/16/curriculum-vitae/

 

Add CommentYour email address will not be published