Gatti, allergie e lezioni di vita.

 

Vivo in una casa con 6 gatti. Da più di 7 anni. Mi insegnano molto sulla vita, continuamente.

Una cosa che non avrei mai potuto immaginare, all’inizio, è che qualcuno potesse esserne allergico. Questo non significa che non gli piacciano o che ne abbia paura  (situazioni che avrei potuto comprendere e immaginare). Significa che stanno male (non respirare) a causa della reazione del loro corpo alla presenza del pelo del gatto.

L’ho visto succedere la prima volta che una persona allergica ai gatti è venuta a casa mia senza sapere che io avessi i gatti. Io non lo avevo detto perché non avevo assolutamente idea che questa informazione fosse così necessaria per alcuni. Ho visto stare male questa persona: occhi rossi e lacrimanti, respiro affannato. Incredibile. Da allora ho imparato ad avvisare, subito, chi invito per la prima volta a casa mia. ” Io vivo con dei gatti, è un problema per te?”. Mi attivo per evitare che si trovino in una situazione di difficoltà.

Quindi, io convivo con i peli di gatto ovunque: per quanto pulisca e spazzoli, i peli ci sono e finisco per  mangiarli persino (non hanno sapore, per la cronaca). Di fatto, a me non creano alcun problema e mi sembrerebbe incredibile che per altri possano essere così dannosi se non fosse che l’ho visto accadere. Nonostante sia notevolmente diversa la loro esperienza dalla mia, la accetto, anzi la rispetto, anzi mi preoccupo di come proteggerli da questo danno.

Ecco, sarebbe fantastico se riuscissimo a comportarci allo stesso modo per reazioni diverse dalle nostre o per i punti di vista diversi dai nostri. Per esempio, una persona ha un pensieropuntodivista che a me sembra incredibile. Invece di combatterlo per convincerlo della mia idea o mostrargli perché sbaglia, lo riconosco come possibile. Così come è possibile che qualcuno sia allergico a qualcosa che a me non crea danno.

Come sarebbe il mondo se adottassimo questo atteggiamento per ciò che è diverso dalla nostra esperienza o opinione? 

Add CommentYour email address will not be published